⋯ ⋯
«Destra» e «sinistra», semplici approssimazioni di cui sfortunatamente non possiamo fare a meno. Non farvi ricorso significherebbe rinunciare a prendere posizione, sospendere il proprio giudizio in materia politica, affrancarsi dalle servitù della durata, esigere che l’uomo si desti all’assoluto, che divenga unicamente animale metafisico. Di tale sforzo di emancipazione, di tale balzo oltre le nostre verità di dormienti, pochi sono capaci. Intorpiditi lo siamo tutti; e, paradossalmente, proprio per questo agiamo. Continuiamo allora come se nulla fosse, pratichiamo pure le distinzioni tradizionali, felici d’ignorare che i valori emersi nel tempo sono, in un’ultima istanza, intercambiabili.

Crediti
 • Emil Cioran •
 • Esercizi di ammirazione •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
365% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
171% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
La scrittura delle donne
168% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Che cos’è l’uomo
149% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
136% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯