Vaso di tenerezze
Questo corpo dalle
mille paludi, questa
miniera irrequieta,
questo vaso di tenerezze
mal esaudite.

Crediti
 • Amelia Rosselli •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Auf der ferse aitzend frauVaso della felicità
114% FilosofiaFriedrich NietzscheSchiele Art
Pandora portò il vaso coi mali e lo aprì. Era il dono degli dèi agli uomini, un dono di fuori bello e seducente, chiamato «vaso della felicità». Subito tutti i mali, esseri vivi e alati, volarono fuori: da allora girano per il mondo e arrecano danno agli ⋯

Egon Schiele ⋯ Adorare il vaso
60% Jiddu KrishnamurtiSchiele Art
Il vaso contiene l’acqua ed è l’acqua che dovete bere, non serve a nulla adorare il vaso, purtroppo invece l’umanità tende ad adorare il vaso e a dimenticare l’acqua.

Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
55% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

Jaya SubergAppendice
52% Gherasim LucaPoesie
Rovinare le rovine m’offriva il solo mezzo di percorrere invulnerabile le rovine e solo il dinamitaggio continuo dell’edificio in pieno sprofondamento poteva strapparmi ai denti feroci della negazione non come un storpio felice di aver salvato la sua vita⋯

Egon Schiele ⋯ La vasca
48% PoesieRemy de GourmontSchiele Art
Di foglie morte la vasca a poco a poco si è colmata. Non cercatevi acqua pura. Quella dalle piogge portata Dagli uccelli è stata bevuta, stilla a stilla. Non vi resta che la morte. Una tomba spoglia. Ma non guardate sul fondo, tra il fogliame. Sogni, tene⋯

Egon Schiele ⋯ Le cose vere non lasciano niente dietro di sé
44% Aldo BusiSchiele Art
Il mio amore per Carolina è stato un amore felice e perfetto, reciproco, pieno di tenerezze e di allegria, un amore che ha conosciuto tutta l’estensione che gli era propria: forse è per questo che non ha lasciato traccia in me e, probabilmente, neppure in⋯