Fugit Amor

Rodin sapeva che tutto doveva partire da una conoscenza infallibile del corpo umano. Infine fu su questa superfice che concentrò la sua ricerca. Essa consisteva di infiniti contatti tra luce e materia, e ognuno di questi contatti si rivelò diverso da ogni altro, e ognuno singolare. In un punto sembravano fondersi, in un altro salutarsi con titubanza, in un terzo passati a fianco come estranei; e c’erano punti senza fine e non uno in cui qualcosa non accadesse. Il vuoto non esisteva. Rodin aveva scoperto l’elemento fondamentale della sua arte, per così dire la cellula del suo mondo. Era la superfice, la superfice di grandezza variabile, diversamente sottolineata, definita con esattezza, da cui tutto poteva nascere. Il lavoratore severo e raccolto, che non si era mai curato dei soggetti e non cercava altro compimento se non quello ottenibile dal suo strumento sempre più maturo, giunse a questa dimensione attraverso tutti i drammi della vita: ora si aprivano dinnanzi gli abissi delle notti d’amore, la vastità oscura, colma di voluttà e di pena dove, come in un mondo ancora eroico, non c’è posto per le vesti, dove i volti erano cancellati e imperavano i corpi. Egli si accostò con sensi infiammati al caos immenso di questi abbracci convulsi, cercando la vita: e ciò che vide era vita. Attorno a lui nulla si fece angusto, esiguo o torbido. Tutto acquistò ampiezza. L’atmosfera delle alcove era lontana. Qui c’era solo vita, mille volte rinnovava in un solo istante, nello struggimento e nel dolore, nella follia e nell’angoscia, nella perdita e nella vincita. Qui c’era un desiderio incommensurabile, una sete così grande che esauriva tutte le acque terrestri come fossero un’unica goccia, qui non c’erano menzogna e rinnegamento, i gesti del dare e del prendere erano qui autentici e grandi. Qui c’erano i vizi e le bestemmie, le dannazioni e le beatitudini, e di colpo apparve chiaro quanto fosse povero un mondo che celava e affossava tutto questo, come se non esistesse. Esisteva.

Crediti
 • Rainer Maria Rilke •
 • Pinterest • Auguste Rodin Fugit Amor •  •

Similari
 ⋯ Ogni cosa veder tremando
46% PoesieRainer Maria Rilke
E così sono le forme nell’opera di Rodin: pure e intatte; senza chiedere le ha consegnate alle sue cose, che sembrano non essere mai state toccate quando le abbandona. Su di esse luce e ombra divengono più lievi come su frutti freschissimi, e più mosse, c⋯
 ⋯ Inferno
31% Alberto MaggiMitologia
La parola inferno fa andare in crisi coloro che studiano teologia o la Sacra Scrittura e che sono abituati a parlare di inferno, perché non la trovano nel dizionario biblico. Nella Bibbia non c’è né la parola e neanche l’immagine dell’inferno. Nella vecch⋯
⋯  ⋯Il mito di Natem
17% MitologiaPlutarco Naranjo
Molto, molto tempo fa esisteva un uomo saggio. Aveva molta esperienza e sapeva tutto. Poteva vedere il passato e vaticinava quanto sarebbe avvenuto. Egli consigliava ciò che doveva fare la tribù, quando e come dovevano cacciare e quali erano gli animali b⋯
⋯  ⋯Mito Maué sul guaraná
14% Autori VariMitologia
Molti anni fa, nella profonda giungla brasiliana vivevano due indios, un uomo e sua moglie. Erano la coppia più felice della tribù. Erano amati dalla loro tribù e lavoravano duro per il benessere di tutti. Ma avevano una grande infelicità: non avevano fig⋯
⋯  ⋯Mito sul tabacco dei Cherokee
14% James MooneyMitologia
Agli inizi del mondo, quando uomini e animali erano simili, c’era una sola pianta di tabacco, presso la quale tutti si recavano per il loro tabacco, fin quando le oche Dagûl’kû la rubarono e la portarono lontano verso sud. La gente soffriva senza di essa,⋯
 ⋯ Edward Okun ⋯ Insicurezza irta di pericoli
13% Rainer Maria RilkeSocietà
Dobbiamo immaginare la nostra esistenza quanto più vasta possibile; tutto, anche l’inaudito, deve trovarvi spazio. È questo in fondo l’unico coraggio che si richieda a noi: essere coraggiosi verso quanto di più strano, prodigioso e inesplicabile ci possa ⋯