Mill in ruins

Il mondo non è quel che sembra. L’Oceano Pacifico custodisce in sé il sogno di secoli immemorabili. È il grande crepuscolo azzurro della sera più immensa, o forse dell’alba più splendida. Chi può saperlo? […] A questo fantasma ritornò Melville. Indietro, indietro, lontano dalla vita. Mai nessuno odiò d’istinto la vita umana, la nostra vita umana così com’è, più di Melville. E mai nessuno fu pervaso con tanta forza dal senso dell’immensità e del mistero della vita non umana. Egli impazziva dalla voglia di guardare al di là dei nostri orizzonti. Dovunque, dovunque, ma fuori dal nostro mondo. Per andare via. Scappare! Per andarsene, scappare dalla nostra vita. Attraversare l’orizzonte che lo separava da un’altra vita. Poco importa quale, purché fosse un’altra. Lontano, lontano dall’umanità. Verso il mare. Il mare salato, nudo, primigenio. Prendere il mare, per fuggire l’umanità. Il cuore umano finalmente smania, nel desiderio di disumanizzarsi.

Crediti
 • David Herbert Lawrence •
 • SchieleArt •  Mill in ruins • 1916 •

Similari
 ⋯ Il mondo non è quel che sembra
216% David Herbert LawrenceLettere
L’Oceano Pacifico custodisce in sé il sogno di secoli immemorabili. È il grande crepuscolo azzurro della sera più immensa, o forse dell’alba più splendida. Chi può saperlo? A questo fantasma ritornò Melville. Indietro, indietro, lontano dalla vita. Mai ne⋯
Egon Schiele ⋯ Akt selfLe onde sono innumerevoli
140% Elias CanettiSchiele Art
Il mare è molteplice, è in movimento, ha una sua profonda coesione. La sua molteplicità è nelle onde: molteplici onde lo costituiscono. Le onde sono innumerevoli; chi si trova sul mare è circondato da esse per ogni dove. L’omogeneità del loro movimento no⋯
Egon Schiele ⋯ Gioco infinito delle emozioni
43% Schiele ArtTony Kospan
Un giorno l’onda chiese al mare: “mi vuoi bene?”. Ed il mare le rispose: “Il mio bene è così forte che ogni volta che t’ allontani verso la terra io ti tiro indietro per riprenderti tra le mie braccia. Senza te la mia vita sarebbe insignificante. Sarei un⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
42% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
Egon Schiele ⋯ Self-PortraitIl mio discorso su Amore
39% FilosofiaPlatoneSchiele Art
Ciascuno di noi è dunque come un contrassegno d’uomo, tagliato com’è, a somiglianza delle sogliole, da uno in due; e cerca quindi sempre il contrassegno a lui corrispondente. Ora, tutti quegli uomini che sono frazione del sesso comune, quello che allora s⋯
Egon Schiele ⋯ L’asino
34% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A volte sogno che Mario Santiago viene a prendermi con la sua motocicletta nera. Ci lasciamo alle spalle la città e man mano che le luci vanno sparendo Mario Santiago mi dice che si tratta di una moto rubata, l’ultima moto rubata per viaggiare attraverso ⋯