Viaggio all'inferno
Ad ascoltare i racconti di tante donne si direbbe che la casa è il luogo di maggior pericolo per quanto riguarda la violenza e la famiglia una combinazione infernale. E non lo dicono solo le donne, lo dicono le tabelle dei maggiori istituti di ricerca di statistica, gli studi di esperti, i fatti di cronaca.
È come se tante vite femminili entrassero, a un certo momento, in un buco nero , come se per loro si verificasse un’eclisse. Da allora in poi vivranno nella paura, attente a ogni gesto che fanno, a ogni parola che dicono (Così fragile, così violento).
Scendere all’inferno, dunque, significa affrontare grandi sofferenze e correre rischi enormi: ne vale la pena? Si, vale la pena correre questo rischio nella misura in cui si intenda conoscere il senso di sofferenza e il regno dell’interiorità.
Per affrontare questo tipo di percorso è necessario molto coraggio, necessario ma non sufficiente, perché niente e nessuno può garantirci il ritorno.
Anche la nostra più grande letteratura ci ha trasmesso questo tipo di messaggio. Basti pensare alle tre cantiche di Dante, e al fatto che ognuna di esse finisce con la ripetizione della parola “stelle“, testimoniando come lui, poi, riesca a ritrovare la luce. Anche e soprattutto lo psicologo dovrebbe riuscire in questa impresa: scendere negli inferi ma riuscirne a risalirne. Solo in questo modo, infatti, potrà aiutare un’altra persona a uscire fuori dal suo dolore. Il viaggio agli inferi ci mostra dimensioni interiori e volti dei quali siamo del tutto inconsapevoli, ma che una volta affrontati potranno rivelarsi preziosi alleati. Se invece non sperimentassimo mai nulla sulla pelle il significato discesa agli inferi, di una terribile tempesta, non potremmo mai aiutare chi soffre a emergere dalle sue difficoltà. Comprendiamo quindi che la sofferenza psicologica, non sempre deve essere letta negativamente, nel senso che essa può davvero regalarci nuove lenti per osservare il disagio dell’altro. La sofferenza regala consapevolezza, ma solo a condizione di viverla fino in fondo e a coglierne il significato.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • L'anima delle donne •
  • – Capitolo 22. – Viaggio all'inferno •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ The DancerImparare ad aiutare sé stessi
69% Georges Ivanovič GurdjieffSchiele Art
Tra gli scopi formulati, il più giusto è senz’altro quello di essere padrone di sé, perché, senza questo, nient’altro è possibile. E, in confronto a questo scopo, tutti gli altri non sono che sogni infantili, desideri di cui un uomo non potrebbe fare alcu⋯
Egon Schiele ⋯ Coppa del Mondo dello Zerbino
59% Eduardo GaleanoSchiele Art
I suoi nemici dicono che è stato un re senza corona e che ha confuso l’unità con l’unanimità. E in questo i suoi nemici hanno ragione. I suoi nemici dicono che se Napoleone avesse avuto un giornale come il Granma, nessun francese sarebbe stato messo al co⋯
Egon Schiele ⋯ Three male nudesPrincipium individuationis
42% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Come ho spesso mostrato, è in sé, e non nell’apparenza, che tormentatore e tormentato sono identici, per quanto diversamente mostri la Māyā, e in questo sta l’eterna giustizia. Ma l’intelligenza non dirozzata, che prende l’apparenza per cosa in sé, vuol v⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
37% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
Egon Schiele ⋯ Self-PortraitIl mio discorso su Amore
37% FilosofiaPlatoneSchiele Art
Ciascuno di noi è dunque come un contrassegno d’uomo, tagliato com’è, a somiglianza delle sogliole, da uno in due; e cerca quindi sempre il contrassegno a lui corrispondente. Ora, tutti quegli uomini che sono frazione del sesso comune, quello che allora s⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
35% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯