Vittima di narcisismo
Qualcuno, spesso, ama scivolare nel vittimismo, piagnisteo isterico di chi vuol vincere non si sa bene cosa, ritenendo altri come otri da colmare con effluvi di lacrimose esperienze, eccitandosi nel piacere di essere vittima sacrificale del maligno destino, blindato nelle sue certezze, vittima del proprio narcisismo, che si appaga attraverso altrui, ignare, caritatevoli approvazioni.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 Jacques-Luis David Il grande professore di diritto pubblico
26% Loris ZuttionPercorsi
Napoleone Bonaparte ha avuto la sorte, non molto usuale per i protagonisti della storia, di trovare nel più grande filosofo del tempo, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, l’autorevolissimo interprete a livello ideologico, della sua azione pratica. Fin dai temp⋯
 ⋯ Private unità di misura
18% Oswald SpenglerPercorsi
Il destino, nella vita, viene spesso chiamato caso. La volontà di potenza dell’individuo ha nel caso il suo avversario: è il macrocosmo che s’erge sul microcosmo. Sul destino non si può pensare alcunché. Non ha alcun senso il tentativo operato dalla scien⋯
 ⋯ L’avvento delle radio private
18% AnonimoArticoliStorie
In Italia e non solo, il profondo malessere sociale accumulato negli anni ’60 per via di uno sviluppo economico tendente unicamente al consumismo e noncurante delle esigenze di quel protagonismo giovanile che iniziava ad emergere, sfociò in una forte onda⋯
 ⋯La rivoluzione è in te
16% AnonimoPolitica
La rivoluzione non è nel libro che si stai leggendo. La rivoluzione non è nel documentario che stai vedendo. La rivoluzione non è nel sito che stai guardando. La rivoluzione non è nelle immagini dei social network. La rivoluzione non è nell’organizzazione⋯
 ⋯ Edward Okun ⋯ Forza opposta
15% PercorsiRobert Musil
Negli anni della maturità pochi uomini sanno, in fondo, come son giunti a se stessi, ai propri piaceri, alla propria concezione del mondo, alla propria moglie, al proprio carattere e mestiere e loro conseguenze, ma sentono di non poter più cambiare di mol⋯
 ⋯ Immaginare l’inutile
14% AnonimoFotografiaMedia
L’arte è ciò che resiste: resiste alla morte, alla servitù, all’infamia, alla vergogna, così diceva Deleuze. Per questo motivo l’artista lavora per piacere. Il lavoro che produce oggetti per soddisfare esigenze – il lavoro sta rimanendo, sempre più, nelle⋯