⋯
Io son parte di tutto ciò ch’incontrai;
Eppure ancor tutta l’esperienza è un arco attraverso cui
Brilla quel mondo inesplorato i cui confini sbiadiscono
Per sempre e per sempre quando mi muovo.
Com’è sciocco fermarsi, finire,
Arrugginire non lucidati, non brillare nell’uso!
Come se respirare fosse vivere!

Crediti
 • Alfred Tennyson •
 • Ulysses •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Artista senz’arte
30% PoesieSchiele ArtTristan Corbière
Non nacque da nessun evento, Fu sempre spirito a pieno-vento, Fu un arlecchino-intruglio, Di tutto adultero miscuglio. Del chissacchè – Non lo sapeva manco; Dell’oro, – senza mai un franco; Dei nervi, – senza nerbo. Vigore senza forza; Dello slancio, – co⋯
Egon Schiele ⋯ A girl in blue dressSono ciò che manca
23% Mark StrandPoesieSchiele Art
In un campo io sono l’assenza di campo. Questo è sempre opportuno. Dovunque sono io sono ciò che manca. Quando cammino divido l’aria e sempre l’aria si fa avanti per riempire gli spazi che il mio corpo occupava. Tutti abbiamo delle ragioni per muoverci io⋯
Alastair MagnaldoAlle rive si affacciano gli scogli
20% Mario MeléndezPoesie
Io sono il bambino che gioca con la schiuma dei mari ormai incurabili Lungo questa spiaggia imbandierata di gabbiani stiro le mie braccia come reti lasche mentre le onde pizzicano i miei sogni e sola una lacrima si frange sulle rocce Alle rive si affaccia⋯
Egon Schiele ⋯ L’asino
20% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A volte sogno che Mario Santiago viene a prendermi con la sua motocicletta nera. Ci lasciamo alle spalle la città e man mano che le luci vanno sparendo Mario Santiago mi dice che si tratta di una moto rubata, l’ultima moto rubata per viaggiare attraverso ⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
18% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
 ⋯ I tulipani
18% PoesieSylvia Plath
Il mio corpo è un ciottolo per loro, lo accudiscono come l’acqua accudisce i ciottoli su cui deve scorrere, lisciandoli piano. Mi portano il torpore nei loro aghi lucenti, mi portano il sonno. Ora che ho perso me stessa , sono stanca di bagagli — la mia v⋯