Egon Schiele ⋯
La ragione profonda per cui prediligo il mondo di Dostoevskij è quel miscuglio di distruzione, quella passione della distruzione che sfocia in qualcos’altro.
Trovo che Dostoevskij si sia spinto realmente al limite, tutti i suoi personaggi oltrepassano un limite.
Ogni essere ha una sorta di limite che non deve superare. Ebbene, i personaggi di Dostoevskij lo superano. Insomma, è tale estremità, questa passione dell’estremo in Dostoevskij ad avermi sempre affascinato.
Vivere è distruggersi, non tanto per una carenza, ma per una sorta di pienezza pericolosa.
In Dostoevskij non sono gli omuncoli che si distruggono, non sono i debolucci, gli anemici, sono individui che esplodono, che giungono sino al limite estremo di loro stessi e oltrepassano quel limite.
In fondo, probabilmente, ogni essere è qui per “distruggersi”.


Crediti
 • Emil Cioran •
  • L'intervista letteraria con Christian Bussy 1973 •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Personaggio nel mondo
74% Henry MillerSchiele Art
Il personaggio interessa Dostoevskij non come un elemento della realtà che possiede determinati e stabili segni socialmente tipici e individualmente caratteriologici, non come figura determinata che nasce da tratti univoci e oggettivi che nel loro insieme⋯
Egon Schiele ⋯ Landscape in Lower AustriaC’è salvezza nell’abiezione estrema
72% Giuseppe Di GiacomoSchiele Art
Se gli eroi del romanzo ottocentesco lottano per far trionfare il senso, la totalità, sul non-senso del mondo (il mondo abbandonato da dio), Dostoevskij coglie il senso nel cuore stesso del non-senso. Per l’uomo di Dostoevskij tutto è nello stesso tempo s⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Lowered HeadAll’ingresso dell’associazione degli scrittori
66% FrammentiMihail BulgakovSchiele Art
 Una donna pallida e annoiata con i calzini bianchi e un basco bianco sedeva su una sedia di vimini presso l’ingresso della veranda all’angolo, dove tra il verde del pergolato era stata praticata un’apertura d’accesso. Davanti a lei, su un comune tavolo d⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
44% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ Ritratto di una ragazza sedutaL’amore vive al confine con l’odio
42% Michail BachtinSchiele Art
Tutto nel suo mondo vive esattamente al confine con il proprio contrario. L’amore vive al confine con l’odio, lo conosce e lo comprende, e l’odio vive al confine con l’amore e anch’esso lo comprende (l’amore-odio di Versilov, l’amore di Katerina Ivanovna ⋯
Egon Schiele ⋯ Woman undressingQualcosa di cui Nietzsche si fa beffe
38% Maria RussoSchiele Art
Non si deve credere all’apparenza di un Nietzsche “determinista” solo per il suo disprezzo per la fantasia rassicurante del “libero arbitrio”: certamente l’idea di una libertà come assenza di causa, come mera casualità e come arbitrio, appunto, senza alcu⋯