Murales

Adesso, mi intestardisco il più possibile. Perché? Voglio essere poeta, e lavoro per rendermi veggente: voi non ci capireste niente, ed io non saprei come spiegarvi. Si tratta di arrivare all’ignoto mediante la sregolatezza di tutti i sensi. Le sofferenze sono enormi, ma bisogna essere forti, essere nati poeti, e io mi sono riconosciuto poeta. Non è colpa mia. È falso dire: Io penso: si dovrebbe dire mi si pensa. – Perdonate il gioco di parole. Peccato per il legno che è il violino, e ignaro delle provocazioni, cavilla su ciò che ignora del tutto!

Crediti
 Arthur Rimbaud
 Pinterest • Luis Gomez Murales •