Egon Schiele  ⋯ Selbstbildnis mit Pfauenweste
Colui al quale è caduto dagli occhi il velo del principium individuationis e quindi riconosce se stesso in tutta quanta la natura, riconosce anche ogni sofferenza che vede, o di cui viene soltanto a sapere che degli uomini l’hanno sofferta, o anche solo è possibile, come sua, proprio come ciò che tocca realmente la sua persona. E non appena è comparsa realmente questa conoscenza, la volontà di vivere non può mantenersi più a lungo: come si allontana da chiunque sia colpito da una sofferenza smisurata, senza speranza, così si allontana da colui che riconosce come propria ogni sofferenza reale e possibile in tutta quanta la natura. Anche se infatti in noi a tratti compare la conoscenza dell’idea della vita e vorremmo rinunciare alla volontà di vivere, tuttavia quel che fa sì che continuiamo sempre a restare uniti a questa volontà e ci impedisce di strapparci da essa è la dolcezza, la lusinga delle circostanze attuali, il benessere che in questo regno del caso e dell’errore, in mezzo alla miseria di un mondo sofferente, è toccato in sorte alla nostra persona. Per questo Gesù diceva: «È più facile che una gomena passi per la cruna di un ago piuttosto che un ricco si guadagni il regno celeste».

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •  Selbstbildnis mit Pfauenweste • 1911 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
520% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
⋯  ⋯Il fenomeno è illusione e apparenza
231% ArticoliAutori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
183% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
107% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ La violenza nella storia
105% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
92% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯