Selbstbildnis mit Pfauenweste
Colui al quale è caduto dagli occhi il velo del principium individuationis e quindi riconosce se stesso in tutta quanta la natura, riconosce anche ogni sofferenza che vede, o di cui viene soltanto a sapere che degli uomini l’hanno sofferta, o anche solo è possibile, come sua, proprio come ciò che tocca realmente la sua persona. E non appena è comparsa realmente questa conoscenza, la volontà di vivere non può mantenersi più a lungo: come si allontana da chiunque sia colpito da una sofferenza smisurata, senza speranza, così si allontana da colui che riconosce come propria ogni sofferenza reale e possibile in tutta quanta la natura. Anche se infatti in noi a tratti compare la conoscenza dell’idea della vita e vorremmo rinunciare alla volontà di vivere, tuttavia quel che fa sì che continuiamo sempre a restare uniti a questa volontà e ci impedisce di strapparci da essa è la dolcezza, la lusinga delle circostanze attuali, il benessere che in questo regno del caso e dell’errore, in mezzo alla miseria di un mondo sofferente, è toccato in sorte alla nostra persona. Per questo Gesù diceva: «È più facile che una gomena passi per la cruna di un ago piuttosto che un ricco si guadagni il regno celeste».

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •  Selbstbildnis mit Pfauenweste • 1911 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
440% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
157% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Fini? Volontà?
95% FilosofiaFriedrich Nietzsche
– Noi ci siamo abituati a credere a due regni, al regno dei fini e della volontà e al regno dei casi; in quest’ultimo l’accadere è privo di senso, le cose vanno, stanno e cadono, senza che nessuno possa dire: per quale motivo? a che scopo? – Noi temiamo q⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
92% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ La violenza nella storia
91% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Ai giovani
89% ArticoliFilosofiaJiddu Krishnamurti
Vi siete mai chiesti quale sia il senso dell’educazione? Perché andiamo a scuola, perché impariamo varie materie, perché facciamo esami e gareggiamo fra di noi per avere i voti migliori? Qual è il significato della cosiddetta educazione, qual è la sua ver⋯