⋯ Pablo Picasso ⋯

Vorrei poter accarezzare i tuoi demoni, due dita, a scivolargli sul volto.
Vorrei scendere nel tuo inferno e bruciarmi nel tuo fuoco di dolore.
Vorrei guardarti dentro agli occhi e cercare nell’iride una pace.
Mutino i segni sul volto dei demoni: accarezzati sapranno sorridere,
e il fuoco impuro che ti divora potrà salvarti tornando a scaldare.
L’alto è la volontà della fiamma, passione la sua danza di luce.
L’inferno ti illumina il volto perché mai possa conoscere il buio
il tuo ineffabile sorriso di dio.

Crediti
 • Davide Cortese •
 • Pinterest • Pablo Picasso  •  •

Similari
Filosofia della danza
278% ArticoliGianfranco Bertagni
Un ricco e stimolante scritto teorico sugli orizzonti concettuali di un’arte eminentemente anti-dualistica. Da Nietzsche e Valéry a Mallarmé e Merleau-Ponty sono diversi e importanti i pensatori della modernità che hanno riflettuto sulla pratica coreutica⋯
Il caso Nietzsche
228% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’anima e la danza
201% ArticoliAutori Vari
Con la trattazione della filosofia della danza intendiamo analizzare il rapporto tra il linguaggio della filosofia come coscienza riflessiva e cristallizzata in poesie e il pensiero nella fluidità del suo farsi. Paul Valéry esprime questo concetto nel dia⋯
Sapere di non essere
192% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Da Zarathustra a Khomeini
164% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯