Zara a chi tocca

Questa è una specie di tela, ch’ha l’ordimento e tessitura insieme: chi la può capir, la capisca; chi la vuol intendere, l’intenda. Ma non lascierò per questo di avertirvi che dovete pensare di essere nella regalissima città di Napoli, vicino al seggio di Nilo. Questa casa che vedete qua formata, per questa notte servirrà per certi barri, furbi e marioli, – guardatevi, pur voi, che non vi faccian vedovi di qualche cosa che portate adosso: – qua costoro stenderranno le sue rete, e zara a chi tocca.

Crediti
 Giordano Bruno
 Proprologo
 Pinterest • Brian Oldham  • 




Quotes per Giordano Bruno

È prova di una mente semplice e molto primitiva che uno desideri di pensare come le masse o come la maggioranza, semplicemente perché la maggioranza è maggioranza. La verità non cambia perché è, o non è, creduta dalla maggioranza delle persone. Io ho lottato, è già tanto. È già qualcosa essere arrivati fin qui: non aver temuto di morire, l'aver preferito una morte coraggiosa a una vita da imbecille.  Cabala del cavallo pegaseo

[...] il dotto Agostino, molto inebriato di questo divino nettare, nei suoi Soliloqui testifica che la ignoranza più tosto che la scienza ne conduce a Dio, e la scienza più tosto che l'ignoranza ne mette in perdizione. In figura di ciò vuole ch'il redentor del mondo con le gambe e piedi de gli asini fusse entrato in Gerusalemme, significando anagogicamente in questa militante quello che si verifica nella trionfante cittade.

Cieco chi non vede il sole, stolto chi nol conosce, ingrato chi nol ringrazia; se tanto è il lume, tanto il bene, tanto il beneficio; per cui risplende, per cui eccelle, per cui giova; maestro dei sensi, padre di sustanze autor di vita.

Intrepido, fendo lo spazio con le mie ali e la fama non mi fa urtare contro mondi tratti da falsi principi, secondo i quali rimarremmo rinchiusi in una prigione immaginaria come se tutto fosse cinto da muraglie di ferro… ma fendo i cieli e all'infinito m'ergo.

La morte non è altro che un dissolversi di legami, perciò il saggio non deve temerla. L'unica vera morte è non pensare più, se il tuo pensiero viene annullato, cancellato come hanno cercato di fare col mio. Ciò non significa che non mi dispiacesse spezzare quel vincolo d'amore che esiste tra l'anima e il corpo, perché se pur aspettiamo altra vita o modo di essere noi, non sarà quella nostra, come di chi siamo al presente, perciò che questa, senza sperar giammai ritorno, eternamente passa.