⋯
È la breve storia di Zeus, il re dei politeisti, fattosi – senza magari volerlo – tiranno monoteista e per ciò spodestato, giustamente spodestato da uno scuro ebreo di Palestina…

Consideriamo Zeus. Gli occhi grassi e come velati di sogno (ma sogno non è). La barba turchina di bell’uomo maturo. La sufficienza. L’autorità spesso esercitata a capriccio. L’egoismo. Il ridurre a lecito per sé quello che agli altri è illecito. La “superficialità” del potente. L’indifferenza dell’anima altrui, specie delle donne. Gli adulterii. La mancanza di cure materiali (di cure spirituali non si parla neppure) da quando ha vinto i Titani (egli crede una volta per sempre…). È chiaro che nel tempo della maturità i Greci collocarono in cima al loro repertorio di angusti modelli una specie di capo dell’alta finanza internazionale. Era giusto che il Capo del proletariato internazionale lo spodestasse.

Crediti
 • Alberto Savinio •
 • Scritti Dispersi •
  • Zeus finanziere •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
73% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
58% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
45% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
 ⋯ L’inconsolabile
32% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
 ⋯ Non sacrificare la presenza
31% FrammentiRobert Burton
Imparare ad essere presenti internamente – essere lo stato di presenza senza parole – spesso comincia con l’essere silenziosi all’esterno, col parlare di meno. Per esempio parlare meno spesso, meno in fretta, meno energicamente e per periodi di tempo più ⋯
 ⋯ Danzare su l’orlo arditamente
30% FrammentiGabriele D’Annunzio
Egli aveva esperimentata l’aderenza materiale con lo strato infimo della sua razza; e non altro era sorto in lui se non un senso d’invincibile orrore. Il suo essere non aveva radici in quel fondo; non poteva aver nulla di comune con quella moltitudine che⋯