⋯
È la breve storia di Zeus, il re dei politeisti, fattosi – senza magari volerlo – tiranno monoteista e per ciò spodestato, giustamente spodestato da uno scuro ebreo di Palestina…

Consideriamo Zeus. Gli occhi grassi e come velati di sogno (ma sogno non è). La barba turchina di bell’uomo maturo. La sufficienza. L’autorità spesso esercitata a capriccio. L’egoismo. Il ridurre a lecito per sé quello che agli altri è illecito. La “superficialità” del potente. L’indifferenza dell’anima altrui, specie delle donne. Gli adulterii. La mancanza di cure materiali (di cure spirituali non si parla neppure) da quando ha vinto i Titani (egli crede una volta per sempre…). È chiaro che nel tempo della maturità i Greci collocarono in cima al loro repertorio di angusti modelli una specie di capo dell’alta finanza internazionale. Era giusto che il Capo del proletariato internazionale lo spodestasse.

Crediti
 • Alberto Savinio •
 • Scritti Dispersi •
  • Zeus finanziere •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
84% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
68% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
48% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
 ⋯ Leviamoci questo pensiero
37% FrammentiLuigi Pirandello
Lo credevano senza cuore, perché egli non piangeva. Ma dimostrava forse il pianto la intensità del dolore? Dimostrava la debolezza di chi soffre. Chi piange vuol far conoscere che soffre, o vuole intenerire, o chiede conforto e commiserazione. Egli non pi⋯
 ⋯ L’inconsolabile
35% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
 ⋯ Danzare su l’orlo arditamente
35% FrammentiGabriele D’Annunzio
Egli aveva esperimentata l’aderenza materiale con lo strato infimo della sua razza; e non altro era sorto in lui se non un senso d’invincibile orrore. Il suo essere non aveva radici in quel fondo; non poteva aver nulla di comune con quella moltitudine che⋯