Sono la maschera

⋯ Margaret Ulbrich ⋯
Ho posato la maschera e mi sono visto allo specchio
Ero un bambino di tanti anni fa non ero cambiato per niente.
E’ questo il vantaggio di sapersi togliere la maschera.
Si è sempre il bambino, il passato che resta, il bambino.
Ho posato ⋯

Diversamente ladri

Egon Schiele ⋯ I ladri di beni privati passano la vita in carcere e in catene, quelli di beni pubblici nelle ricchezze e negli onori. ⋯

Contemplare le cose umane

 ⋯ Supponi di trovarti improvvisamente a un’eccelsa altezza, e di contemplare di lassù le cose umane e la loro diversità;
quanto le disprezzeresti quando vedessi in un solo colpo d’occhio l’immenso spazio popolato dagli esseri dell’aria e dell’etere! ⋯

La corrente che ti trascina

Egon Schiele ⋯ È la corrente che ti trascina, è la vita
non si può giudicare, né capire
non c’è che lasciarsi andare. ⋯

Esperienza universale

⋯ Hans Jochem Bakker ⋯
Io Sono, io sono vivo, io sono me stesso. Da questa posizione ogni cosa è creativa. Se un individuo è coinvolto in una creazione artistica, si suppone che egli possa contare su un talento specifico. Ma per vivere creativamente non occorre nessun talento specifico: ⋯

Chi migliore è

Egon Schiele ⋯ Ognuno vuole e ritiene di essere migliore di questo suo mondo. Chi migliore è, esprime solo questo suo mondo meglio degli altri. ⋯

Falsi rifugi

 ⋯
Il coraggio sta nell’accettare di fuggire piuttosto che vivere quietamente e ipocritamente in falsi rifugi.
I valori, le morali, le patrie, le religioni e quelle certezze private che la nostra vanità e il nostro compiacimento generosamente ci concedono, sono altrettante dimore illusorie che il ⋯

Problema di coloro che sentono troppo

Egon Schiele ⋯ Se le persone scarsamente sensibili e intelligenti tendono a far del male agli altri, le persone troppo sensibili e troppo intelligenti tendono a far del male a se stesse: chi è troppo sensibile e intelligente conosce i rischi che comporta la complessità di ciò ⋯

Il nuovo brivido

Denis Sarazhin
L’uomo moderno crede sperimentalmente ora a questo ora a quel valore, per poi lasciarlo cadere. Il circolo dei valori superati e lasciati cadere è sempre più vasto. Si avverte sempre più il vuoto e la povertà di valore. Il movimento è inarrestabile, sebbene si ⋯

Vanità e cupidigia

Egon Schiele ⋯ Vanità e cupidigia sono i lati deboli con cui si possono prendere gli uomini. ⋯

Non stiamo mai nei limiti del tempo presente

 ⋯ Non stiamo mai nei limiti del tempo presente. Anticipiamo l’avvenire come se fosse troppo lento ad arrivare, quasi per affrettare il suo corso; oppure rievochiamo il passato per fermarlo, quasi troppo precipitoso; siamo così imprudenti da scorrazzare in tempi che non ci appartengono e ⋯

Attenzione intensa che è puro amore

Egon Schiele ⋯
Ascoltare qualcuno significa mettersi al suo posto mentre parla. È un’attenzione intensa, pura, senza movente, gratuita, generosa. E questa attenzione è amore. Poiché la sventura e la verità hanno bisogno della stessa attenzione per essere udite, lo spirito di giustizia e lo spirito di ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi